Clicca per visitare
il sito della nostra parrocchia

     

 

 

 

GIOVANI: SENTI CHI PARLA!

Il cammino che quest’anno l’Azione Cattolica propone ai giovani è incentrato sul tema della vocazione. Capita molte volte che i giovani perdano il senso e la direzione del loro andare, che si sentano dispersi, senza futuro, intrappolati in un vicolo cieco. Nell’era delle comunicazioni globali e multimediali, le parole spesso servono a riempire un vuoto e a distrarre. Tutto ciò,  però, rende difficile riuscire a sentire la “Parola” che rivolge Gesù, quando chiama per nome e invita a seguirlo. E’ importante allora tenere aperta la comunicazione, perché la sua è una chiamata che desidera risposta e non può lasciare indifferenti perché cambia la vita.

Bisogna essere disposti ad ascoltare il proprio desiderio di vita “bella” e “buona”, darsi “una mossa” per superare l’immobilismo di un presente che rischia di apparire senza orizzonte, fare esperienza della propria fiducia in Dio e della fiducia di Dio verso l’uomo.

Il cammino 2011/2012, quindi, condurrà i giovani a rileggere la propria storia con occhi nuovi, ad allenare l’anima al silenzio, al discernimento e alla preghiera, a compiere scelte coraggiose e testimonianti, ad impegnarsi sempre di più per dare cuore e gambe al proprio progetto di vita vera. E’ tempo allora di tendere l’orecchio verso l’alto e “sentire chi parla”!

 

GIOVANISSIMI: WALK IN PROGRESS

Alzati, ti chiama ” dicono i presenti a Bartimeo dopo la chiamata di Gesù e anche i giovanissimi dovranno “alzarsi” per accogliere la personale chiamata che il Signore rivolge a ciascuno di loro. Per iniziare ad intraprendere il cammino di riscoperta della propria vocazione, bisogna innanzitutto accoglierla e farne passo dopo passo, un progetto per una vita piena. Questo cammino avrà come punto di partenza la possibilità di riappropriarsi di se stessi, di ascoltare il battito del proprio cuore e di sentire così la voce del Signore. Contemporaneamente sarà anche l’occasione per crescere nell’apertura verso gli altri, nella capacità di coniugare l’esperienza di fede con piccole e grandi scelte quotidiane.

La strada da compiere è lunga, ma Gesù non farà di certo mancare la sua presenza: basterà mettere la propria vita nelle sue mani e la metà non potrà che essere più vicina e il cammino meno faticoso.

E’ tempo allora di mettersi davvero in ascolto della chiamata del Signore: Lui ha sogni grandi per tutti e non smette di far la sua voce per dire che la felicità è li che aspetta. Forse non la si raggiungerà subito: ma questo è un “walk in progress”!