Clicca per visitare
il sito della nostra parrocchia

     

 

 


 

 


IL CAMMINO 2011/2012

a cura di Stefania Perri
(Fonti: Orientamenti triennali e sussidi formativi per il cammino 2011-2012)

Il primo anno di questo nuovo triennio associativo, si proietta sull’interiorità, che va custodita per far maturare un atteggiamento di fiducia nel Signore. La fede è un dono di Dio che non smette mai di cercare l’uomo e che esige una risposta libera e coraggiosa. La vocazione alla santità, alla quale tutti siamo chiamati, si traduce così in una risposta improntata alla generosità, spesa per l’evangelizzazione.

L’invito che ci viene rivolto per il cammino 2011/2012 è “Alzati, ti chiama”, una frase del brano del Vangelo di Marco che costituisce l’icona biblica che orienta, in modo unitario, l’intera proposta formativa e che racconta l’incontro di Gesù con il cieco di Gerico, Bartimeo.

Il buio del mantello, con cui si copre, assomiglia al buio nel quale vive e che lo àncora alla terra: la cecità, infatti, costringe Bartimeo a restare seduto immobile lungo la strada.

E Gesù, il pellegrino, si ferma a condividere l’immobilità del povero mendicante. L’incontro tra i due protagonisti avviene grazie alla tenacia di Bartimeo che grida e non si lascia zittire. Nonostante la confusione di quel momento e il vociare della folla, Gesù sente il grido di Bartimeo e lo fa chiamare a sè. E il maestro si consegna totalmente, senza riserve, al proprio discepolo: «Che vuoi che io ti faccia?». E Bartimeo chiede di riavere la vista e con essa una vita piena, autentica, dignitosa. E Gesù gli concede quanto chiede:  Lui si è messo in viaggio proprio per donare la pienezza della vita. L’intervento di Gesù ridona a Bartimeo la vista e, con essa, la capacità di stare in piedi, di muoversi e di camminare. Bartimeo non ha poi esitazioni e una volta guarito, si mette a seguire Gesù: non è più costretto a stare immobile ai bordi della strada, ma si mette da discepolo alla sequela del proprio Maestro.

Ed ecco cosi delineato il nostro cammino associativo per il prossimo anno: come Bartimeo, riconosciamo che abbiamo bisogno di tornare a contemplare Gesù, affinché egli possa illuminare la nostra esistenza. Fissiamo con fiducia il nostro sguardo su di Lui e lasciamo che rinnovi la nostra capacità di leggere il mondo. Sarà infatti la nostra fiducia in Gesù a farci riacquistare la vista e a salvarci dall’oscurità di un mondo senza speranza, senza futuro, ormai perduto. Potremo così rialzarci, vivere da risorti e seguire Gesù che ci rivela il volto vero di Dio. Alziamoci allora e rimettiamoci in cammino!!

 ADULTI: UN PASSO OLTRE

 Alzati, ti chiama”: per gli adulti questo invito si traduce nell’andare oltre per rispondere alla chiamata che il Signore rivolge attraverso la comunità, per superare le paure e non fermarsi ai margini della strada e della storia, ma per coltivare sogni e desideri affinché diventino progetti di vita buona. C’è un passo da compiere, quello che i veri discepoli sanno di dover fare per andare più decisamente verso Gesù e una vita piena e realizzata. E’ la “sfida dell’oltre”,  l’invito a compiere un autentico cammino di discepolato che sappia intercettare i desideri profondi dell’esistenza, che a loro volta generano domande autentiche di vita.

Bisogna mettersi ancora una volta alla sequela di Gesù, portando con se le questioni che maggiormente stanno a cuore .........................................................................................................................................................................................(clicca qui).

GIOVANI: SENTI CHI PARLA!

Il cammino che quest’anno l’Azione Cattolica propone ai giovani è incentrato sul tema della vocazione. Capita molte volte che i giovani perdano il senso e la direzione del loro andare, che si sentano dispersi, senza futuro, intrappolati in un vicolo cieco. Nell’era delle comunicazioni globali e multimediali, le parole spesso servono a riempire un vuoto e a distrarre. Tutto ciò,  però, rende difficile riuscire a sentire la “Parola” che rivolge Gesù, quando chiama per nome e invita a seguirlo. E’ importante allora tenere aperta la comunicazione, perché la sua è una chiamata che desidera risposta e non può lasciare indifferenti perché cambia la vita ...........................................................................................................................................................................(clicca qui)

 GIOVANISSIMI: WALK IN PROGRESS

Alzati, ti chiama ” dicono i presenti a Bartimeo dopo la chiamata di Gesù e anche i giovanissimi dovranno “alzarsi” per accogliere la personale chiamata che il Signore rivolge a ciascuno di loro. Per iniziare ad intraprendere il cammino di riscoperta della propria vocazione, bisogna innanzitutto accoglierla e farne passo dopo passo, un progetto per una vita piena. Questo cammino avrà come punto di partenza la possibilità di riappropriarsi di se stessi, di ascoltare il battito del proprio cuore e di sentire così la voce del Signore. Contemporaneamente sarà anche l’occasione per crescere nell’apertura verso gli altri, nella capacità di coniugare l’esperienza di fede con piccole e grandi scelte quotidiane .......................................(clicca qui)

ACR “PUNTA IN ALTO”

“Punta in alto”: a ritmo di questo slogan si snoda il percorso per i bambini e i ragazzi dell’Acr per l’anno associativo 2011-2012. Gli acierrini sono chiamati a seguire il Signore e ad alzare lo sguardo verso il Maestro, percorrendo con lui i sentieri che si aprono nelle loro vite.
In un anno in cui la montagna rappresenta l’ambientazione dell’iniziativa annuale, i bambini e i ragazzi cercano di capire cosa può significare seguire il Signore sulla strada che porta a raggiungere nuove vette, a scorgere dall’alto la nostra vita, a gustare la bellezza di un paesaggio e ad accrescere il desiderio di scendere a valle per raccontare quanto visto e vissuto in cima
....................................................(clicca qui)